Patto per l'occupazione giovanile: firmato il protocollo d'intesa tra Regione e associazioni datoriali

Il 3 giugno gli Assessori Pippo Rossetti e Enrico Vesco insieme a tutte le Associazioni datoriali della Liguria hanno siglato sette Protocolli d'Intesa per attivare iniziative per tirocini, contratti di apprendistato ed incentivi alle imprese che assumono giovani dai 15 ai 35 anni.
Il Protocollo d'intesa siglato fra la Regione Liguria e Confindustria Liguria è il prodotto di 6 mesi di lavoro e confronto e recepisce integralmente gli interventi proposti da Confindustria, che sin dall'inizio della fase progettuale, ha contribuito ad elaborare soluzioni.

 

I primi bandi saranno pubblicati presumibilmente a settembre. E' previsto, in particolare, lo stanziamento di 2 milioni di Euro mediante risorse del FSE per promuovere interventi sperimentali che favoriscano l'inserimento nel mercato del lavoro di giovani, attraverso l'integrazione tra gli strumenti del tirocinio e del contratto di apprendistato.

 

Altri fondi nazionali, coerentemente con quanto già avviato in altre regioni, finanzieranno la sperimentazione di prime forme di "staffetta generazionale", che si prefigge l'obiettivo di coniugare l'accompagnamento alla pensione dei lavoratori più anziani con l'ingresso di giovani in azienda, assicurando la realizzazione di un saldo occupazionale positivo.

 

Con questo intervento, hanno spiegato gli assessori Vesco e Rossetti, Regione Liguria si muove per arginare la drammatica situazione della disoccupazione giovanile, che segue l'andamento della media nazionale. Nel 2012 infatti in Liguria la disoccupazione è aumentata di 13.000 unità, passando da 43.000 disoccupati nel 2011 a 56.000 nel 2012, facendo segnare un +30,2% e un tasso di disoccupazione pari all'8,1% +1,8% rispetto al 2011. Un tasso di disoccupazione che nel 2012 risulta più elevato nella classe di età tra i 15 e i 24 anni, con un valore del 30,1%. In allegato il testo del Protocollo d'Intesa siglato il 3 giugno tra Confindustria Liguria e Regione Liguria.