CSC: Congiuntura flash - 1 febbraio 2019

L’Italia perde colpi ipotecando il 2019.

I dati negativi in Italia nella seconda metà del 2018, aritmeticamente, contano molto nel calcolare la crescita annua del PIL nel 2019:

il “trascinamento” è -0,2%. 

E la dinamica a inizio 2019 sarà debole:

il PMI manifatturiero a gennaio cade molto sotto soglia 50, nei servizi è poco sopra, la produzione è stimata quasi piatta.

Anche se il PIL risalisse dal 2° trimestre, è alta la probabilità di una crescita annua poco sopra lo zero.

Di seguito allegato il documento completo.