Turismo: Regione Liguria - Emergenza COVID19

Il 17 aprile u.s. Confindustria Liguria, Regione Liguria le altre associazioni datoriali e le organizzazioni sindacali hanno

siglato un accordo per l'erogazione di bonus assunzionali alle imprese del settore del turismo. L'accordo prende le mosse dal Patto per il Turismo e lo rimodula in considerazione dell'attuale emergenza sanitaria da Covid-19, che rende necessario un sostegno straordinario all'occupazione nel settore. A disposizione poco più di 6 milioni di euro a valere sul Por-Fse 2014-2020, suddivisi in diverse misure destinate a imprese e lavoratori.

Le imprese possono accedere a bonus assunzionali così definiti:-3.000 euro per assunzione con contratto subordinato a tempo determinato, anche a scopo di somministrazione, di durata non inferiore a 4 mesi- 4.000 euro per assunzione con contratto subordinato a tempo determinato, anche a scopo di somministrazione, di durata uguale o superiore a 5 mesi- 6.000 euro per assunzione con contratto subordinato a tempo indeterminato, anche a seguito di trasformazione di precedente contratto a tempo determinato.Per questa misura la dotazione finanziaria è di 2.400.000 euro.

Per i lavoratori l'accordo invece prevede una linea di intervento denominata Smart@ttivo, per chi si trova in stato di disoccupazione e che rischia di non essere avviati al lavoro in tempi rapidi, al fine di dare un supporto in caso di prolungata assenza di lavoro, attraverso due tipologie di percorso

percorso integrato di politica attiva del lavoro e formazione fruibile a distanza, combinato con misure di sostegno al reddito sotto forma di indennità di partecipazione mensile di 500 euro al mese per un massimo di 5 mesi, con possibilità di richiedere un voucher ICT per acquisto o noleggio di tecnologie informatiche o traffico dati internet necessari per la fruizione dei moduli di formazione a distanza;

percorso di formazione in smart-training che, in sostituzione della modalità ordinaria del tirocinio on the job di cui alla DGR 1186/2017, limitatamente al periodo di emergenza e per attività confacenti all’attuazione in forma “agile”, consenta di avviare esperienze formative con tutoraggio aziendale a distanza e la redazione di progetti formativi individuali (PFI) che prevedano l’utilizzo di adeguate tecnologie messe a disposizione del tirocinante dall’azienda ospitante. Anche questo percorso prevede indennità di partecipazione di 500 euro al mese per un massimo di 5 mesi.

Inoltre, è stato firmato un “ADDENDUM AL PATTO PER IL LAVORO NEL TURISMO” che, considerando indispensabile salvaguardare i contratti di lavoro per i quali le imprese del settore turistico hanno già presentato domanda di incentivo a valere sull’Avviso per incentivi assunzionali di cui al precedente Patto per il Lavoro nel settore del Turismo, approvato con DGR 574/2019 , stabilisce, tra l’altro, che alle suddette imprese è consentita l’erogazione dei bonus assunzionali anche se abbiano fatto o intendano fare ricorso agli ammortizzatori sociali previsti dal D.L. 17 marzo 2020, n.18 ( cassa integrazione ordinaria, cassa integrazione in deroga , ricorso al F.I.S. ) per fronteggiare la crisi dovuta all’emergenza epidemiologica da Covid 19.

Pertanto, in tali casi, saranno riconosciuti i bonus assunzionali in caso di assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, anche a scopo di somministrazione, di durata non inferiore a 8 o 9 mesi considerando utili, ai fini del calcolo della durata di tali contratti, anche i periodi di ricorso agli ammortizzatori sociali sopra indicati.