Piccola Impresa: nominata la squadra del nuovo presidente Baban

Il Consiglio Centrale Piccola Industria ha nominato i componenti della squadra di vicepresidenti che affiancherà il Presidente Alberto Baban nel suo mandato

Questi i nomi degli imprenditori scelti:
Rosario Amarù, Amministratore della Amarù Giovanni di Gela
Alvise Biffi, Amministratore della Secure Network di Milano
Massimo Cavazza, Titolare della Sipe di Bologna
Mario Mancini, Amministratore della Mancini di Amandola
Giuseppe Ponzi, Amministratore della Project di Firenze
Giorgio Possio, Presidente della Spesso Gaskets di Torino
Bruno Scuotto, Amministratore Scuotto Impianti Elettrici e Tecnologici di Napoli
Gianluigi Viscardi, Presidente della Cosberg di Bergamo
Stefano Zapponini, Presidente della Guida Monaci di Roma

Il Presidente Baban ha, inoltre, affidato a Carlo Robiglio, Presidente della Interlinea di Novara, la direzione de L’Imprenditore, la rivista di Piccola Industria.

"Abbiamo davanti un biennio di lavoro impegnativo – ha dichiarato Alberto Baban – e il primo obiettivo che ci poniamo è quello di rafforzare l’identità di Piccola Industria, confermando il suo ruolo operativo e di proposta all’interno del sistema. Innovazione a 360°, internazionalizzazione ed Europa saranno tre asset strategici nella definizione delle nostre attività. Abbiamo la fortuna di poter contare su una “panchina lunga” di rappresentanti di Piccola Industria su tutto il territorio nazionale che ci affiancheranno con le loro competenze e la loro esperienza, e questo è un valore aggiunto importante per la nostra squadra".

La Giunta di Confindustria che si è riunita il 17 gennaio, infine, ha ratificato la decisione del Presidente di Confindustria Giorgio Squinzi di confermare al Past President Piccola Industria, Vincenzo Boccia, l’incarico di Presidente del Comitato tecnico Credito e Finanza di Confindustria: “Si tratta di un riconoscimento importante alla competenza di Vincenzo Boccia per l’impegno mostrato in questi anni – ha commentato Baban – e allo stesso tempo un motivo di grande orgoglio per Piccola Industria”.